Antimartingala e Martingala nel trading: funzionano?

In questo articolo ci concentreremo sulla questione di quanto investire e rischiare in una operazione, discutendo le famose tecniche della Martingala e dell’Antimartingala in modo da comprendere se vi siano dei vantaggi nella loro applicazione al trading.

Money management, Risk management, Position sizing

Il trading richiede la gestione di molti aspetti ma nessun trader, professionista o neofita, fondamentalista o tecnicista, a lungo o a breve termine, può prescidendere da un corretto Money Management.

Ovvero non può non avere un sistema di regole che lo aiuta a gestire il rischio (Risk management) e capire quanto può investire in ogni singola operazione (Position sizing).

Oltremodo il trader deve essere in grado di capire come comportarsi sia che l’operazione stia andando male sia che l’operazione stia andando bene.

Adottare una strategia di money management è fondamentale per gestire i proprio investimenti, altrimenti si rischia di perdere il proprio capitale già dal principio, come capita alla maggior parte dei trader che provano a investire senza avere questa solida base che è un vero e proprio presupposto all’operatività.

Martingala e Antimartingala

Il sistema Martingala è una metodologia che prevede il raddoppio di una scommessa ogni volta che si verifica una perdita e il dimezzamento ogni volta che si verifica una scommessa vincente.

La tecnica dell’Antimartingala è esattamente l’opposto.

A differenza della Martingala, l’Antimartingala prevede che il trader o lo scommettitore dimezzino l’importo dopo un’operazione/scommessa perdente e raddoppino, invece, a seguito di una operazione/scommessa vincente.

Nel mondo dei casinò l’Antimartingala è chiamata “Parlay”.

Avrete sicuramente notato la terminologia e il fatto che richiama il gambling e il mondo del casinò e questo dipende dal fatto che le tecniche menzionate sono appunte nate in questo ambito.

Tuttavia, negli anni sono state testate ed applicate anche ai mercati finanziari quali Forex, Futures, Opzioni, Azioni ecc.

Il principio alla base della Martingala abbiamo detto è aumentare l’importo di ogni scommessa a seguito di una perdita e di continuare la procedura fino a quando non si verifichi un evento vincente che alla fine copre tutte le perdite precedentemente sostenute.

Per illustrare meglio questa idea, pensate a un gioco da casinò, come la roulette. Supponiamo di scommettere 100 euro per ogni giro della roulette e di scommettere ogni singola volta sul rosso.

Quindi, per ogni giro che finisce sul rosso ricevi 100 euro.

All’opposto,, ogni volta che la pallina finisce sul nero, perdi 100 euro.

In accordo con il metodo Martingale, se il risultato è positivo vincerai 100 euro e ricomincerai il processo con una nuova scommessa di 100 euro.

Al contrario, quando il risultato è negativo, cioè nel caso in cui la pallina finisca sul nero, perderai 100 euro e dovrai raddoppiare la tua scommessa ne lgiro successivo.

Questo si traduce in una nuova scommessa pari a 200 euro

Se il terzo giro finisce nuovamente in perdita perche’ e’ uscito nuovamente il nero, dovrai nuovamente raddoppiare l’importo arrivando a scommettere sul prossimo giro 400 euro.

Questo processo dovrebbe continuare per il tempo necessario fino a quando non si conclude con un risultato positivo, ovvero con l’uscita del rosso.

Quando ciò accadrà, sarà possibile recuperare le perdite patite precedentemente.

Immaginiamo, quindi, di adottare la Martingala nel trading e procediamo con degli esempi.

Supponiamo che tu voglia fare trading nel Forex ed, in particolare, tu voglia operare sulla coppia di valute EUR/USD.

Continuando sempre con l’esempio, immaginiamo che tu abbia adottato un rapporto rischio rendimento di 1 ad 1 e che tu voglia aprire trade per un ammontare di 200 euro ad operazione.

Questo vorrebbe dire, ovviamente, che il rischio che sei disposto a correre per ogni operazione e’ di 200 euro cosicche’ ogni operazione in perdita varra’ 200 euro ed ogni operazione vincente si tradurra’ in un profitto di 200 euro.

Nel caso in cui, quindi, tu abbia fatto un’operazione che si sia conclusa positivamente, la successiva operazione da parte tua sara’ ancora pari a 200 euro.

Tuttavia, qualora l’operazione andasse negativamente, la successiva operazione dovresti aumentare il size arrivando a piazzare sull’operazione un ammontare di 400 euro.

In concreto, immaginando che tu stia usando una leva di 500/1, questo vorrebbe dire aprire una nuova operazione di dimensione pari a 2 lotti.

Se perdi anche la volta successiva, aumenterai la dimensione della tua scommessa e scommetterai $ 800 nell’operazione successiva. Ciò potrebbe comportare il raddoppio delle dimensioni del tuo lotto da due a 4. Poi ancora e ancora finché non avrai la possibilità di vincere. Se si verifica lo scambio vincente, sarai in grado di recuperare tutte le perdite subite durante il periodo di prelievo.

Perche’ la Martingala non funziona

Nella teoria delle cose, questo è il metodo perfetto per gestire il denaro.

A questo punto, devo chiedervi se siate a conoscenza del detto inglese “If something seems too good to be true, it probably is”.

In italiano e’ liberamente traducibile col nostro “Troppo bello per essere vero”.

Questo per dire che la martingala ha un difetto orribile che si verifica quando una sequenza di scambi fa sì che il raddoppio vada fuori controllo, al punto di non avere fondi sufficienti nel conto per fare un altro raddoppio.

A questo punto, anche immaginando di non essere incorsi in un margin call, l’importo perso è irrecuperabile.

In altre parole, tutti i sistemi che abbiano alla base la martingala ti garantiscono la vittoria fino a quando non causano improvvisamente e inaspettatamente la rovina totale.

È inutile eseguire il backtest delle strategie basate sulla martingala, perché l’errore statistico nel tentativo di calcolare quanto presto si verificherà un evento estremamente improbabile (il “trade della morte”) è enormemente grande, invalidando qualsiasi risultato di performance.

Alcune martingala potrebbero mostrare una storia di 5 anni, o anche 10 anni, senza eventi disgraziati, ma questo è statisticamente privo di significato.

Ci sono state molte idee per mitigare gli effetti della martingala:

  1. Invece di raddoppiare, usa una progressione di puntata meno severa (ad es. 1,1,2,3,5,8, …. invece di 1,2,4,8,16,32, ….). Tuttavia, ciò significa che ora ci vorrà più di 1 vittoria per riportare l’account in pareggio, quindi paralizza il tasso di recupero.
  2. Metti un limite al numero di raddoppi, cioè torna a 1 unità dopo solo poche perdite.

Esempio: dopo 5 sconfitte, abbiamo perso 1+2+4+8+16 = 31 volte la puntata originale. Quindi ora, se torniamo a 1 unità di scommesse/posizioni, ci vorranno 31 vittorie consecutive per rimediare alle 5 sconfitte. Considerando che, con 1 rdddoppio in più, ci vorrà solo una vittoria. In altre parole, un modo ancora peggiore per paralizzare il tasso di recupero.

  1. Inizia con una piccola puntata/posizione e un conto enorme.

Certo, questo consente più raddoppi prima che si verifichi la rovina, ma non elimina completamente il rischio di rovina, e riduce qualsiasi rendimento che non sarebbe proporzionale alla dimensione del conto.

Per spiegare con un esempio estremo, non ha molto senso guadagnare pochi centesimi al giorno su un conto multimilionario.

  1. Prelevare denaro dal conto dopo che il saldo è (ad esempio) raddoppiato, il che significa che stiamo giocando solo con le vincite.

Ci sono almeno 3 difetti in questo approccio:

  • Il trade della morte potrebbe facilmente verificarsi prima che abbiamo l’opportunità di ritirare i nostri fondi.

  • Supponendo che la dimensione della nostra puntata iniziale sia basata su una frazione del denaro detenuto nel conto, riduciamo i rendimenti futuri prelevando denaro.

  • Prelevare denaro riduce il numero di doppi che il conto può sopportare, cioè aumenta il futuro rischio di rovina. (In altre parole, l’idea opposta a quella espressa al punto 3).

La Martingala è gioco d'azzardo, non trading

Se un trader ha un vero vantaggio, guadagnerà senza bisogno di usare la martingala, o addirittura qualsiasi sistema di money management che sostiene artificialmente il saldo del suo conto, ma alla fine è insostenibile.

Tutto quel che ogni sistema di money management può fare, di per sé, è semplicemente ridistribuire profitti e perdite.

L’unica eccezione a questa regola è che l’aumento della dimensione della scommessa/posizione in situazioni in cui le probabilità sono più favorevoli, aumenterà le vincite complessive.

Ma anche questo deve essere soppesato rispetto a qualsiasi aumento del rischio di finire in rovina.

Una delle argomentazioni che ho sentito è che la martingala non è più pericolosa delle puntate/dimensioni costanti, perché senza un vantaggio il trader perderà comunque.

È vero, ma se rischio (diciamo) l’1% per operazione, posso sempre abbandonare la nave e rivalutare la situazione, se/quando viene raggiunto un certo drawdown, con la maggior parte del mio capitale intatto.

Se invece si raddoppia senza limiti, la rovina arriva rapidamente e senza preavviso, non concedendo tale opportunità.

Non c’è niente di moralmente sbagliato nell’usare il forex come veicolo per il gioco d’azzardo ma credo che sia importante che il trader prenda una decisione informata e sia pienamente consapevole dei potenziali benefici e dei rischi che comporta.

Cos'è un sistema antimartingala?

Il sistema Antimartingala è l’opposto del sistema Martingaala di cui abbiamo discusso in precedenza.

Questo metodo di scommessa richiede la riduzione di ciascuna scommessa della metà dopo ogni perdita, nonché l’aumento di ciascuna scommessa aumentandola di due volte dopo ogni sequenza di successo.

A causa delle caratteristiche uniche del sistema Antimartingala, è comunemente chiamato anche Reverse Martingale.

Appare evidente che questo metodo di scommessa può aumentare i guadagni complessivi in ​​una serie di vittorie e ridurre le perdite complessive in una serie di sconfitte.

Questo metodo consente un rischio maggiore all’aumentare delle dimensioni e del conto e limita anche il rischio quando il portafoglio entra in una fase di perdita.

Questo metodo è più progettato per l’uso nei mercati finanziari rispetto alla Martingala.

Si tratta quindi di una strategia di gestione del denaro sensata che ha un’applicazione più pratica per i trader.

Molte strategie e sistemi per il trading nei mercati del forex e dei futures sono costruiti su una variazione della strategia antimartingala.

Questo è il motivo per cui la maggior parte dei sistemi di swing trading e dei modelli che seguono il trend sono estremamente prudenti nell’allocazione delle dimensioni delle loro posizioni quando subiscono perdite.

Di converso, si sta guadagnando da una serie di operazioni di successo e il capitale aumenta, è probabile che questo consenta di accettare un rischio maggiore.

Il trading frazionario fisso è una variazione del metodo operativo Antimartingala.

L’idea alla base del metodo frazionario fisso di money management si fonda sul concetto che va rischiata solo una percentuale fissa del portafoglio in qualsiasi tipo di oprazione si voglia effettuare.

Questa percentuale di rischio può essere diversa ma generalmente rientra nell’1% di rischio per operazione.

Sulla base di questi fattori, all’aumentare della dimensione del conto, a ciascuna transazione verrà assegnato un importo maggiore da poter rischiare, ma quando la dimensione del conto diminuisce, a ciascuna transazione viene assegnato un minore importo da poter rischiare.

Ciò è dovuto al fatto che anche se vengono utilizzate le stesse percentuali frazionarie fissate per ciascuna operazione, l’importo effettivo sarà maggiore nei livelli più alti della curva e diminuirà nei livelli inferiori di una curva.

Per essere concreti: rischiando sempre l’1% del proprio capitale è ovvio che, sebbene la percentuale sia fissa, l’1% di un capitale maggiore si concretizzi in un maggiore importo speso in un’operazione, mentre l’1% di un capitale inferiore rappresenti un importo inferiore.

Se sei stato in giro per il mondo del trading per un po’ di tempo, avrai sentito parlare del vecchio adagio che afferma “Devi lasciare correre i profitti e tagliare le perdite”.

Questo è esattamente ciò su cui si basa la strategia di trading Antimartingala.

Anche se in senso stretto il metodo Antimartingala consiglia di raddoppiare l’importo dopo l’esito positivo e per dimezzarlo in caso di esito negativo è possibile modificarlo in vari modi rimanendo fedeli ai principi fondamentali di questo sistema di allocazione del rischio.

Uno dei momenti più adatti per implementare un metodo Antimartingala è durante la fase di trending.

Quando il mercato si muove in una direzione, al rialzo o al ribasso, c’è la possibilità che lo slancio duri e porti a maggiori profitti nel caso in cui tu stia cavalcando il tren.

Quando inizi ad incrementare le tue posizioni che seguono il trend, aumenterai la tua esposizione complessiva man mano che il mercato si sposta a tuo vantaggio ma anche i tuoi profitti.

Ovviamente, nel caso in cui il trend cambi l’aumento dell’esposizione rappresenta un rischio di cui si deve tener conto.

Ad ogni modo, la strategia basata su Antimartingala è senza dubbio un grosso passo in avanti per quanto riguarda la gestione del rischio in un conto di trading, dato che non è afflitta dagli svantaggi che, invece, ha la Martingala.

Riduce anche il rischio di drawdown, invece di aumentarlo, come nel caso delle strategie Martingala.

I trader più esperti sanno che tra i fattori chiave in un mercato di successo c’è la capacità dei trader di gestire il rischio.

ll sistema Antimartingala è dotato di meccanismi che vorrebbero ridurre il rischio di ogni operazione, riducendo a sua volta la possibilità di distruggere il tuo conto di trading.

Un esempio reale e concreto dei vantaggi che possono derivare dall’utilizzazione di una tecnica di trading Antimartingala viene dall’account di Larry Williams.

Se non ne fossi a conoscenza, Larry Williams è un trader di futures esperto che ha dedicato molto tempo allo studio e all’applicazione di diverse strategie di money management sul mercato.

In una competizione di trading basata sui future nota come “Robbins World Cup of Trading Championship”, il vincitore, Larry Williams, è  stato in grado di portare un conto di 10.000 dollari in 1,1 milioni di dollari in soli dodici giorni!

Si tratta di un incredibile rendimento del 11300%, che è stato il più alto registrato per questa competizione e , molto probabilmente, in qualsiasi altra competizione mai tenuta.

Williams ha attribuito l’enorme aumento dei suoi profitti principalmente al suo metodo di gestione del denaro, basato su una strategia commerciale basata su Antimartingala.

La formula che stava usando era quella che oggi viene chiamata “la formula di Kelly”.

La formula di Kelly calcola la dimensione della scommessa ideale, in base a una serie di fattori, come il rapporto tra l’importo delle vincite e le perdite, la percentuale media di vincita e le dimensioni del tuo account.

L’obiettivo è aumentare il tasso di crescita nel tempo del tuo account e cercare di ridurre il rischio di annientare il proprio account.

Da allora, Larry Williams ha trasformato piccoli conti in grandi conti, utilizzando diverse versioni del sistema di gestione finanziaria Antimartingala.

Inoltre, ha insegnato a suo figlio Michelle Williams a fare lo stesso.

Conclusioni

Abbiamo discusso le caratteristiche distintive del metodo Martingala sui mercati finanziari, così come il metodo Antimartingala.

Il metodo Martingala è noto per la sua caratteristica di aumentare il rischio a cui è esposto quando cresce il drawdown di un trader.

Tuttavia, la strategia Antimartingala mira ad aumentare il capitale di rischio quando i profitti aumentano e a ridurre il capitale di rischio quando le perdite si accumulano.

Dal punto di vista dei giochi d’azzardo, la strategia Martingala è più conosciuta, in particolare tra le persone che vogliono trovare metodi infallibili per battere i casinò.

Anche se la strategia Martingala sembra essere una buona idea, ci sono numerosi problemi da affrontare quando la si utilizza efficacemente sia nei casinò che nel mercato.

La maggior parte dei trader deve sviluppare strategie di gestione del denaro basate sul concetto Antimartingala.

La ragione di ciò è che il compito principale di un trader è gestire il rischio e il metodo Antimartingala è un sistema che richiede ai trader di ridurre la loro esposizione al rischio nei casi in cui il conto è a rischio di subire perdite a lungo termine.

All’estremità opposta della scala, richiede ai trader di passare a una modalità aggressiva man mano che i loro asset crescono e possono guadagnare enormi guadagni quando si verifica una sequenza positiva di scambi.

Esistono molte varianti del concetto Antimartingala, uno dei metodi più semplici per implementarlo nel tuo trading è adottare un modello il modello frazionario fisso.

Abbiamo discusso l’argomento in precedenza, ma in sostanza il modello frazionario fisso limiterà il rischio a un determinato rapporto di rischio per qualsiasi operazione.

La percentuale frazionaria di correzione più consigliata è almeno del 2%.

Alcuni trader potrebbero trovare questo un po’ cauto, ma in generale, questo crea un mix ottimale di potenziale di rialzo e basse possibilità di andare in rovina.

Inoltre, i trader dovrebbero anche utilizzare qualsiasi tipo di sistema di trailing stop per assicurarsi di poter trarre il massimo profitto dalle operazioni vincenti.

Adottare, quindi, una strategia Antimartingala permette, quindi, di fare ogni sforzo per massimizzare i guadagni quando siamo in una posizione vantaggiosa e, allo stesso modo, di ridurre le perdite quando siamo in una posizione precaria.

Desidero concludere questo articolo con una riiflessione da tenere sempre a mente: il money management, se fatto in modo sensato ed efficace, permette di redistribuire in modo efficiente profitti e perdite ma non può in alcun modo colmare le lacune di uno stile e di una stratrgia di trading inefficaci.

Per fare profitti, bisogna quindi adottare un approccio multiangolare e tenere in debita considerazione i singoli aspetti di un sistema di trading.

L’antimartingala da sola non sarà in grado di trasformare un perdente in un milionario.

Questo sito Web utilizza i cookie. Utilizzando questo sito Web acconsenti al nostro utilizzo di questi cookie. Per maggiori informazioni visita la sezione.
Ok